domenica 5 giugno 2011

Zuccherini nuziali


Ieri ho iniziato a fare gli zuccherini per festeggiare come si deve delle nozze d'argento. Nelle nozze e negli anniversari speciali, quali appunto i 25 e i 50 anni non possono mancare, come da tradizione;
gli zuccherini, infatti, erano i dolci che accompagnavano le occasioni più importanti e soprattutto venivano fatti in occasione dei matrimoni, rappresentano le fedi nuziali e sostituivano i confetti. Oggi vengono ancora fatti ma affiancano le bomboniere.
Era usanza che, per i  matrimoni, venissero radunate tutte le donne parenti e amiche degli sposi, ad esclusione della sposa, in quanto era di cattivo auspicio il fatto che lei partecipasse alla preparazione degli zuccherini.
Era un'occasione per ritrovarsi insieme e scambiare tante, ma davvero tante, chiacchiere e anche per conoscersi meglio; pensate che impastavano dai 10 ai 15 chili di farina!!. Ancora oggi, quando delle persone anziane, incontrano un ragazzo per domandare quando si sposano gli chiedono: "aloura, quand'is fan i zucarein?" allora quando facciamo gli zuccherini?
Di grande responsabilità era il compito di chi era addetto al forno, rigorosamente a legna, in quanto lo zuccherino non doveva assumere un colore dorato, bensì rimanere bianco (colore tipico delle nozze), ma comunque essere cotto. Esigeva quindi un forno non troppo caldo, ma che consentisse comunque di completare la cottura di tutti gli zuccherini...e non vi dico quando sfornavano quelli appena un poco più cotti...povero fornaio!
Poi veniva fatta una selezione: l'anellino doveva rimanere aperto, altrimenti si scartava, e gli zuccherini dovevano avere una bella forma, non essere né troppo piccoli, né troppo grandi  e venivano imbustati in sacchettini di stoffa o serviti nelle ceste a tavola. Ogni famiglia custodiva gelosamente la sua ricetta, come succedeva per i tortellini, ed inutile dire che gli zuccherini che gli venivano donati ai matrimoni, non erano mai buoni come quelli che producevano loro... secchi, troppo morbidi, grandi...piccoli
La dose che si impastava per gli zuccherini era di 9 kg di farina e questa formava una unità di misura, il cosiddetto "pàis"(peso). Da questa dose, prima degli anni '50, veniva anche la torta nuziale, che allora era l'alzata.
Questi venivano poi confezionati  in sacchetti di carta bianca o trasparente a 3 punte, già corredati di cordoncino  e nel sacchetto si inseriva anche un confetto.

Zuccherini nuziali

Ingredienti:

900 gr farina
100 gr fecola
300 gr burro FREDDO
500 gr zucchero.
  50 gr vaniglia
    5 uova
    1 cucchiaio olio oliva
    2 cucchiai di mandorla amara o anice (io ho usato il secondo)
dose da mezzo chilo
    3 gr amioniaca

Predisporre gli ingredienti sul tavolo e lavorarli per 3 ore alternandoli a dei riposi in frigorifero

poi si estrae solo il quantitativo di pasta necessario per poterlo lavorare subito senza che si scaldi e si fa una "bisciolina" nè troppo sottile nè troppo grossa, altrimenti lievitando si chiude e l'anello non deve essere troppo grande.

e si ripongono nelle teglie pronti per essere infornati

e poi si forma l'anellino



 Infornare a 160 gradi, per 15 minuti, stando attenti che non si colorino troppo, lo zuccherino deve rimanere bianco, 

poi si lasciano raffreddare bene, si cospargono di zucchero vanigliato e,  se non si imbustano subito(mai comunque lo stesso giorno, si lasciano in una cesta coperti da un canovaccio), si conservano nei vasi di vetro
Segno dei tempi che cambiano, è il fatto che mi hanno consigliato di lasciare anche quelli con il foro chiuso, in quanto dimostrazione che erano fatti a mano e artigianali
Un sacchettino confezionato (questo lo feci per la mia amica Paola)

8 commenti:

  1. Belli belli belli...mi sembrano proprio di buon augurio per gli sposi!

    RispondiElimina
  2. Ma solo per i 25 e i 50?
    Mi tocca aspettare ancora... uffa!
    Sabri

    RispondiElimina
  3. no anche per il matrimonio:-)
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Ciao, anche mia mamma vuole prepararmi gli zuccherini per il matrimonio, ma lei insiste che si conservino anche per tre mesi...mentre io sono poco convinta. Tu che ne pensi? E complimenti per l'articolo. Ciao!

    RispondiElimina
  5. Ciao Maria, ha ragione tua mamma, si tengo per tantissimo tempo. Io li ho mangiati anche dopo 6 mesi.
    Solitamente, per i matrimoni, noi li facciamo una settimana prima, ma se vi volete mettere avanti potete farli benissimo senza problemi, anzi non aspettare che diventi troppo caldo perchè dopo si fa fatica a lavorarli. Li fai, li lasci raffreddare un giorno poi li insacchetti, dopo si mantengono benissimo. Buon lavoro!

    RispondiElimina
  6. Ciao, volevo chiederti con un chilo di farina quanti zuccherini vengono fuori? grazie mille!

    RispondiElimina
  7. Tanti...non so come fare a dirti la quantità, però quando mi sposai io, i miei suoceri avevano molte persone a cui darle, mio suocero lavorava in mercato ortofrutticolo, quindi puoi immaginare...eravamo 200 invitati a nozze più a casa, ne impastarano 7 kg e ne vennero due ceste di vimini grandi piene. Io di solito ne impasto un chilo e ne ho a sufficienza...

    RispondiElimina