martedì 15 gennaio 2013

Piadine di Polenta


Questa è una ricetta di Gisella Mancini, è una ottima ricetta riciclo. L'avevo vista tempo fa su Il cortile delle matte e mi aveva subito attirato. Poi sono passati mesi, quando ieri mi è tornata in mente. Così ho deciso, fatto la polenta per il mezzo giorno e trasformata in piadina per la sera. E' davvero buona! certo un poco diversa dalla tradizionale, però devo dire che mio marito ha lasciato da parte il pane fresco, per accompagnare la cena con queste.  Sono le ricette che adoro, mi trasportano nel passato, dove non si buttava nulla e a tutti gli avanzi si cambiava faccia rendendoli appettitosi e anche migliori della loro originale versione. Ad un certo punto della cena, è uscito che mio marito, quando ancora non si sapeva (qui) cosa fosse la piadina, lui l'aveva inventata, perchè quando la nonna preparava la sfoglia, lui ne metteva un pezzetto tirato sulla stufa a legna e la mangiava.). Evidentemente ha trasportato indietro anche lui:-)).
E' una ricetta da tenere sicuramente presente!! Grazie Gisella!

"Piadine" di polenta 

Ingredienti
Polenta soda avanzata 
(non condita, al massimo, solo con un po' di formaggio dentro l'impasto) 
Farina tipo 0 metà peso della polenta 
Un poco di lievito per torte salate
 (a seconda della quantità di polenta e farina) 
Sale 
a piacere, salvia o rosmarino tritati finissimi

Impastare nel robot la polenta con la farina, il sale (e le erbe) fino ad avere un composto omogeneo, morbido, non appiccicoso (eventualmente impastare a mano con un poco di farina). 

Formare le palline 

stenderle e cuocerle poi su piastra molto calda, come le normali piadine.

Si mangiano calde, con salumi, salsiccia, stracchino, erbe di campo ripassate in padella. 
Se invece del sale ci si mette un poco di zucchero, si friggono e si spolverano di zucchero semolato; si mangiano così, o con marmellata, nutella…

5 commenti:

  1. devo provare proprio! ho impastato 3 kg di piada proprio l'altro giorno se avessi saputo! ma nemmeno un po' d'olio o strutto?

    RispondiElimina
  2. no nulla, Claudia. Solo quello indicato. E' buona, prova!A me ne è rimasto un pezzetto, l'ho assaggiata il giorno dopo convinta che fosse diventata dura, invece era ancora come quando l'avevo cotta.

    RispondiElimina
  3. grazie appena ho un avanzo di polenta provo!!

    RispondiElimina
  4. Prova, poi fammi sapere. Ciao

    RispondiElimina