venerdì 1 luglio 2011

Le mie marmellate

Tempo d'estate, frutta matura, tempo di marmellate. Devo dire che gli ultimi quindici giorni mi hanno impegnato abbastanza. Mi hanno portato tre secchi di rusticani che mi ha impegnato per una settimana, poi quella che si vede nella foto è di maraschino e per non farmi mancare nulla ne ho fatta mista con pesche e albicocche e solo albicocche...pensare che mi manca ancora la mostarda!:-)
La procedura e le dosi sono le stesse circa per tutte le marmellate: di solito considero un chilo di frutta e 300 gr di zucchero, ho leggermente abbondato solo in quella di rusticani perchè rimaneva un sapore molto aspro.
Preparo la frutta
la metto in infusione per una notte con lo zucchero, in modo che si maceri

poi la lascio cuocere a fiamma bassissima per tanto tempo SENZA rimescolare. La mia nonna materna diceva sempre che se non rimescola non si attacca, mentre quando si incomincia a rimescolare bisogna sempre farlo.
Lascio cuocere finchè non assume la consistenza della marmellata


Per quella di rusticani l'iter è leggermente diverso, ovvero ho sempre lasciato in fusione con lo zucchero, ho messo su fuoco bassissimo però poi ho dovuti passarli attraverso un colino per eliminarne il nocciolo pressando leggermente con un cucchiaio


Dopo di chè l'ho versata in teglie e messa in forno a 130 gradi fino a che non si è asciugata.
Finchè sono calde le invaso e capovolgo il vasetto in modo che si formi il sottovuoto
Dopo circa una mezz'ora, quarantacinque minuti li ricapolgo e il tutto è pronto per la conservazione, li ripongo in luogo fresco e buio fino al momento dell'utilizzo

Nessun commento:

Posta un commento